La ristorazione collettiva sociosanitaria e il Dietetico

Ancora oggi la malnutrizione ospedaliera – spesso presente non soltanto all'inizio del ricovero ma anche durante la degenza, soprattutto nei pazienti anziani e/o con patologie croniche – rappresenta un fenomeno misconosciuto e sottovalutato. Un'alimentazione mirata ai fabbisogni dei pazienti permette di non incorrere in carenze nutrizionali e di recuperare più rapidamente una buona condizione di salute riducendo le giornate di ospedalizzazione. In questo scenario, la disponibilità di un Dietetico adeguato e di un efficace servizio di ristorazione ospedaliera consente di integrare qualità nutrizionali e organolettiche del vitto ottimizzando l'intervento nutrizionale a sostegno delle altre terapie di tipo medico e/o chirurgico e ridimensionando, nel contempo, il fenomeno dello spreco alimentare.

Il volume fornisce indicazioni sui principali metodi di diagnosi e trattamento della malnutrizione nella pratica clinica e sui differenti sistemi di gestione della ristorazione sociosanitaria – con una panoramica sugli scarti e gli sprechi alimentari – nonché sul ruolo centrale del Dietetico nel mantenimento di uno stato di nutrizione ottimale che favorisca la guarigione. A corredo, una nutrita raccolta di diete, frutto dell'esperienza e del quotidiano lavoro di medici e dietisti dell'UO Dietologia e Nutrizione dell'Azienda Ospedaliera San Camillo-Forlanini di Roma. Uno strumento pratico di supporto per tutti gli operatori sanitari nella gestione delle condizioni sociosanitarie curabili o migliorabili attraverso l'impiego di specifici regimi alimentari.